IMG-20200923-WA0003

LA SCELTA

Nelle giornate di domenica 20 settembre e lunedì 21, a Torino in una struttura sportiva all’aperto, e a Fossano in una sala capiente, nel rispetto delle regole del distanziamento sociale covid.

La nostra associazione, “Small mai più obesi”, ha organizzato due incontri finalizzati a far comprendere alle persone che iniziano il nostro percorso, oppure sono indecise e vogliono iniziare , che qualsiasi cosa desiderano ottenere dalla vita si tratta sempre di effettuare una scelta, e che solo noi abbiamo il diritto e la possibilità di effettuare “quella scelta”.

La scelta del cambiamento aspetta solo noi. La Small mai più obesi mette a disposizione degli strumenti essenziali ma siamo solo noi gli artefici delle nostre scelte.

Il dottor Marco Pastorini, uno dei nostri psicologi di riferimento, ci ha fatto immaginare la vita come una giostra. Una giostrina dei bimbi che troviamo al parco, quelle dove i bimbi sono seduti in circolo e spingendo con i piedi o manovrando un timone, si riesce a fare girare la giostra alla velocità desiderata.

Tutto va bene quando nella vita secondo i nostri desideri, la giostra gira e non abbiamo intoppi, ma spesso può succedere che la giostra si può fermare perché perde di velocità, o perché uno dei componenti vuole scendere. Ecco che il componente rimasto sulla giostra, per riprendere la giusta velocità dovrà fare un piccolo sforzo e rimettersi in gioco.

Le difficoltà che possiamo trovare nel corso della vita vanno superate, chiedendo se necessario un aiuto, per ritornare sulla giostra e riprendere nuovamente il nostro desiderio di gioia.

Il nostro nutrizionista Dottor Massimo Ricci con altrettanta allegoria, ci ha parlato del nostro fabbisogno giornaliero di alimenti, paragonandolo ad una valigia.

La persona che non cura la propria alimentazione, riempie la valigia mettendoci un sacco di elementi, quasi come chi va in vacanza una settimana e riempie la propria valigia come se stesse via un mese.

Elementi buttati alla rinfusa senza le giuste proporzioni, senza curare quali sono le vere esigenze compatibili ai nostri percorsi alimentari, cercando di capire quali sono i macro elementi, e come questi vanno dosati nel corso della giornata per non eccedere ma semplicemente, per curarci e vivere in maniera sana, la valigia si trasforma in un trolley poiché le nostre esigenze non sono così esagerate.

Un occhio di riguardo va sempre al gusto, ma avendo la consapevolezza che gli eccessi, tutti, fanno male.

Il professore Alberto Della Valle, intervenuto nell’incontro di lunedì in provincia di Cuneo, ci ha fatto notare ancora una volta quanto l’obesità è una malattia, che è sempre associata ad altre problematiche, o che può portarne altre di conseguenza.

Ha parlato di ipertensione, diabete, problemi cardiocircolatorio, problemi vascolari e osteoarticolari, tutte conseguenze dell’obesità.

Ora sta a noi scegliere se continuare su cattive abitudini che ci hanno portato la malattia, o scegliere di amarci un po’ di più e ritornare a sorridere quando ci guardiamo allo specchio.

I nostri gruppi sono a vostra disposizione per supportarvi in questo cambiamento.

M. C. O

Tags: No tags

Comments are closed.