WhatsApp Image 2022-01-26 at 12.18.12

Una nuova amica Small: GRP TV!

La rete televisiva GRP, sempre attenta ai problemi sociali e culturali del territorio, e che spesso invita vari ospiti a partecipare alle sue trasmissioni, è diventata un’amica di Small! 🤩

Siamo stati invitati dalla conduttrice Giancarla Tenivella alla trasmissione “Vera mattina”, in onda tutte le mattine dalle 9 alle 11. In questo spazio, oggi, abbiamo potuto parlare con i medici della nostra associazione della malattia che ci affligge, l’obesità.

Il dottor Vincenzo Consalvo, chirurgo bariatrico dell’Istituto Clinica San Gaudenzio di Novara, centro d’eccellenza della Sicob, ha ampiamente specificato quali pericoli nasconde l’obesità, che costi ha nella spesa pubblica italiana e che prospettive future questa malattia ha nell’impatto sociale. 🩺

 

La dottoressa Angela Longo ci ha dato dei preziosi consigli, come sempre fa nei nostri gruppi, su quali alimenti eliminare dalle nostre dispense perché provocano obesità e quali altri alimenti naturali (ma sicuramente di gusto) poter integrare. 🍏

 

L’aspetto psicologico è stato ampiamente studiato e analizzato dal dottor Marco Pastorini, psicologo psicoterapeuta del gruppo Small, membro Sicob e con tantissimi anni di esperienza in disturbi alimentari. 💆‍♀️💆‍♂️

 

La nostra presidente Maria Carla Ossola, invece, ha introdotto le ragazze che fanno parte e animano i nostri gruppi Small 🔝:

  • In primis Daniela, con i suoi 106 kg persi e la vita trasformata, che ormai è una coach dei gruppi di preparazione e di gestione dell’intervento; 🏥
  • Rossella, animatrice del gruppo di cucina, che viene da noi considerata uno chef mancato; 😋
  • Per ultima ma non di importanza, Rita, con i suoi 65 anni di percorso fatto alla perfezione e i suoi chili persi, che anima il gruppo della camminata e delle attività sportive. 🏃‍♀️🏃‍♂️

 

Il nostro percorso a 360° e i nostri gruppi sono stati molto apprezzati anche dal pubblico, che continuava a mandare messaggi alla giornalista conduttrice: per questo siamo stati invitati per una trasmissione solo all’insegna di Small

Grazie per continuare a seguirci, a presto!

 

Maria Carla Ossola

Presidente Small mai più obesi

GridArt_20220126_190058484

Crema al limone 🍋

null

In un pentolino fare sciogliere un cucchiaino di burro chiarificato aggiungere l’eritritolo e il succo di mezzo limone.
Poi aggiungere due tuorli e cuocere 3-4 minuti, mescolando di continuo, appena inizierà a solidificare, spegniamo il fuoco e trasferiamo il tutto in una terrina copriamo con pellicola e mettiamo in frigo almeno per 30 minuti. Appena pronta mettere in coppetta e guarnire a piacere. Io ho messo granella di semi e pistacchi.

GridArt_20220123_101117780

Cestini di fiocchi di avena

Ridurre a poltiglia 2 banane con la forchetta aggiungere 170 gr.fiocchi di avena, 4 cucchiai di sciroppo d’ agave e mischiare tutto, lasciar riposare 10 minuti in frigorifero poi mettere nei pirottini e formare un cestino infornare per 15 minuti 170’/180′ poi toglierli dai pirottini e cuocere altri 15 minuti capovolti, appena freddi farcire con yogurt greco al caffè 🤗

WhatsApp Image 2022-01-10 at 20.12.17

Anno nuovo vita nuova!

Nella serata di lunedì 10 gennaio abbiamo svolto il nostro primo incontro dell’anno con il dottor Marco Pastorini, il nostro psicologo e psicoterapeuta esperto in disturbi alimentari, e la dottoressa Paola Maffeis, medico dietologa esperta in dieta ketogenica, che ha presenziato proprio questo argomento in un convegno al quale la Small mai più obesi ha partecipato. 2️⃣0️⃣2️⃣2️⃣

In questa serata abbiamo affrontato l’argomento dei buoni propositi che ci poniamo ogni anno, ma che puntualmente finiamo per non rispettare, impedendo quindi che questi si trasformino in veri risultati e rimangano invece inutili pensieri, molto spesso dannosi perché frustranti. 😓

Per fare questo, abbiamo bisogno di capire il nostro punto attuale: dove siamo, che cosa ci ha portato ad essere così e quali sono state le azioni e gli errori che ci hanno portati al punto di ora, che è un punto che necessita cambiamenti. 💆‍♀️💆‍♂️

Perché se ci siamo impegnati molto, ma abbiamo ottenuto scarsi risultati, vuol dire che abbiamo sbagliato in qualche cosa, perché l’impegno è sì un grande valore, ma quello che conta sono poi i risultati, che devono essere un successo duraturo nel tempo che ci rende felici. 😲

Capita la differenza tra obiettivi e desideri, siamo stati invitati a scrivere una promessa a noi stessi, con un piccolo traguardo da raggiungere di qui a due mesi, che poi verificheremo a scadenza raggiunta, se e come l’abbiamo ottenuto oppure cosa ci ha impedito di ottenere quel risultato. 💪

 

La dottoressa Maffeis, invece, ci ha illustrato in maniera scientifica, ma molto comprensiva, una delle diete che impazza in questo periodo, la dieta ketogenica: è emerso che è una delle diete migliori, ma da fare dietro stretto controllo medico quando se ne sente la necessità, senza pensare che sia però una bacchetta magica, perché anche questa, una volta terminata, deve seguire un iter di ripresa e di rieducazione alimentare. 😮

Noi di Small non improvvisiamo, ma facciamo percorsi  a 360 gradi in cui l’alimentazione è una parte integrante, sempre appoggiandoci ai migliori. 🔝🙆‍♀️

 

Vi lasciamo il link del video della diretta caricato sul nostro canale Youtube, nel caso vi vorreste rivedere qualche passaggio:

⬇               ⬇               ⬇

https://youtu.be/zNh2hBXWyVA

 

 

Grazie per continuare a seguirci e per seguire i preziosi consigli dei nostri medici

 

Maria Carla Ossola

Presidente Small mai più obesi

marco-liorni-foto

La nostra prima volta in Rai!

Il giorno dell’Epifania, nella cassetta postale, invece del carbone abbiamo trovato un invito per partecipare alla trasmissione di Rai Uno, “ItaliaSì!“, condotta da Marco Liorni. 🤩

Bisognava però mettere a disposizione una persona di età adulta , con un percorso di obesità difficile alle spalle e non ancora risolto del tutto, quindi non al peso forma, disposta a raccontare la sua esperienza fallimentare in fatto di diete miracolose, che falliscono portando frustrazione e kg maggiorati di interessi. 😣

Con il dottor Marco Pastorini , il nostro psicologo di riferimento, che conosce nei dettagli le storie di tantissime di noi, dopo aver contattato alcune persone ad inizio del nostro percorso, che però non erano disponibili per problemi familiari e organizzativi , abbiamo pensato che la vicepresidente dell’associazione Carla De Pace rispondesse perfettamente ai requisiti richiesti per questa imperdibile occasione.

Carla, torinese di 53 anni, commerciante, dai 18 anni d’età combatte con l’obesità. È arrivata a pesare più di 190 chili e nella sua vita ha speso più di 20mila euro per sperimentare diete di ogni tipo, a partire dalle più famose, ma alla fine per ottenere qualche risultato è dovuta ricorrere al bendaggio chirurgico. Pesa ancora comunque circa 90 chili e tenta ancora di calare. 💪

Ha provato la Dukan, la Lemme, la Paleodieta, la Fast, da giovanissima la WeightWatchers. Per ciascuna ha acquistato i prodotti che di solito accompagnano il marchio, con spese ingenti e risultati scarsissimi. 😓

Senza contare che anche per le diete prive di prodotti “brandizzati” ha speso comunque tantissimo senza dimagrire: la dieta del succo d’acero, altre diete che prevedevano l’uso specifico di alcuni alimenti in grande quantità, quindi l’acquisto di enormi e costose porzioni di pesce spada, salmone… meno dispendiosa quella del minestrone, ma disastrosa sul piano della salute e dei risultati attesi.

Al massimo Carla ha sempre ottenuto un’illusione di dimagrimento, con la perdita iniziale di una decina di chili che poi puntualmente si rovesciavano a distanza di poche settimane nell’assunzione di 20 chili, la devastante “fisarmonica”. 😨

Consideriamo anche che Carla ha sempre avuto a che fare con il cibo anche per lavoro: da ragazza vendeva frutta e verdura al mercato (ne mangiava tanta, e anche quella la faceva ingrassare!).
Poi ha gestito un bar e lavorato in un ristorante (per lei era difficilissimo stare lontana da cornetti e tramezzini per non parlare della tentazione di mangiare la pizza).
Negli ultimi anni ha iniziato a lavorare all’interno di centri estetici e negozi di parrucchiera come receptionist e questo l’ha fatta sentire a suo agio, anche perché questo è coinciso con la fase in cui ha iniziato a truccarsi e valorizzarsi per come è, esaltando gli aspetti positivi del suo corpo.

 

Ecco a voi il video dell’intervento di Carla:

⬇               ⬇            ⬇

 

La trasmissione è durata meno del previsto perché è stato necessario lasciare spazio all’intervento del Sottosegretario di Stato al Ministero della Salute, Andrea Costa, che ha illustrato le nuove norme covid.

Ciò nonostante, siamo estremamente soddisfatti dell’attenzione data al problema e alla nostra associazione in un contesto di così grande visibilità. 🙏

Ringraziamo anche la nostra vicepresidente Carla per il suo impegno e per la sua testimonianza. e le auguriamo che questa importante tappa sia di stimolo a lei per terminare il suo percorso e a tante persone che soffrono della nostra malattia e che, seguendo i nostri percorsi, possono vincerla.

 

 

Maria Carla Ossola

Presidente Small mai più obesi

WhatsApp Image 2021-12-12 at 19.06.16

Come passare delle feste serene

Anche quest’anno, a conclusione di un anno per alcuni versi sicuramente più difficile di altri, in cui purtroppo alcuni di noi hanno perso o dei cari o il lavoro, e in cui abbiamo capito la precarietà del momento, la nostra malattia è stata purtroppo considerata un problema di secondo piano.

Invece no: la nostra malattia, quest’anno, ha sicuramente preso ancora di più i dati di una pandemia: tante persone ci contattano dicendoci che hanno preso 10, 15, 20 kg, proprio durante il lockdown o in questo ultimo anno.

Anche loro, come noi, si troveranno in riunioni familiari, dove spesso, invece di essere supportati dal calore familiare e dalla comprensione seguita da un incoraggiamento, sono sottoposti al giudizio. Mai come quest’anno ci sentiremo dire dagli altri commensali: “Ma sei ancora ingrassata” , “ma hai perso il lavoro” , “te l’avevo detto che così non andava bene”. 🙄

Queste situazioni così frustranti ci fanno ricadere negli errori di sempre: mancanza di fiducia in noi stessi e rifugio nel cibo. 😥

Nel Webinar dello scorso 20 dicembre, abbiamo affrontato questo tema con la dottoressa Maria Rosaria Cerbone, psicologa esperta in disturbi alimentari e coordinatrice degli psicologi e psichiatri di tutta Italia per la Sicob, operante sul territorio Campano.

Dietro nostra richiesta, ha trattato il tema così spinoso dei rapporti familiari 👨‍👨‍👧‍👦. Il Natale deve essere solo una ricorrenza per allietare i bambini, quindi il nostro focus devono essere loro, e qualora uno dei nostri congiunti o conoscenti dovesse tirare fuori dal cilindro delle cattiverie e degli argomenti che ci creano frustrazione, la cosa principale da fare è pensare: tanto questo sarà l’ultimo Natale da obesa, perché io a gennaio voglio cambiare, voglio contattare l’associazione e voglio farmi aiutare. 💪

Se noi abbiamo ben impresso nella nostra mente nel nostro cuore questo proposito, il nostro Natale sarà sicuramente un Natale utile, perché sarà ricordato come il nostro ultimo Natale di sofferenza.

I consigli alimentari, invece, che ci sono stati regalati dalla dottoressa Antonietta Rossi, nutrizionista esperta in bariatrica nel territorio Campano, sono stati ugualmente utili, perché improntati sulla qualità e sulle piccole quantità. 🍴

Ci è stato consigliato di scegliere, perché sempre nella vita abbiamo la possibilità di scegliere: possiamo scegliere il pasticcino migliore e scegliere di mangiarne solo uno o al massimo due, e non una guantiera; possiamo anche scegliere se mangiare 10 cucchiaiate di un cibo molto calorico ma molto natalizio, o sceglierne di mangiarne solo una, tanto il gusto è uguale 😋. Questo per le persone che stanno già facendo il nostro percorso e non vogliono rendere vani i sacrifici nell’ultima settimana.

Ma ci è stato anche consigliato che un pasto importante viene neutralizzato abbastanza se il passo che lo precede è fugace e quello che lo segue altrettanto. Quindi, non è il caso dopo il cenone di Natale fare un abbondante colazione, e, se si sa che si avrà anche il pranzo, la cena è meglio o saltarla o tenerla leggera con solo della verdura.

La dott.ssa ci ha anche fatto capire che è molto più pericolosa una quantità costante giornaliera di cibo calorico e dolce in periodo normale, che non i tre pasti importanti che facciamo durante le feste. Sono quindi più pericolosi gli sgarri quotidiani e costanti, che purtroppo siamo spesso abituati a fare. 🙅‍♀️

Vi lasciamo il link del video della diretta caricato sul nostro canale Youtube, nel caso vi foste persi qualcosa:

⬇               ⬇               ⬇

https://www.youtube.com/watch?v=aeRqLKpdUyo

 

E vi riproponiamo anche il video delle nostre ricette Small, per un pranzo di Natale sano e con i fiocchi!

 

Quindi, senza sensi di colpa, affrontiamo le festività come un dono per i bambini e dedichiamo loro del tempo, magari giocando con loro e uscendo la domenica pomeriggio a fare una passeggiata insieme, o a giocare al parco giochi, qualora riusciamo a renderlo possibile da parte nostra.

Noi di Small mai più obesi vi invitiamo a riprendere il percorso a gennaio sui nostri gruppi e a contattarci al più presto, per incominciare un 2022 all’insegna reale del cambiamento, noi ci siamo e ti aspettiamo!

 

Buon Natale e buon inizio anno

 

Maria Carla Ossola

Presidente Small mai più obesi

WhatsApp Image 2021-11-29 at 10.59.50

Attività fisica con Small

Tutti sanno che per uscire dall’obesità occorre migliorare il proprio stile di vita, a cominciare dall’attività fisica. Ma come spiegarlo ad un obeso il cui nemico principale è sempre stata la pigrizia? 😴

Ecco, quindi, che la Small mai più obesi si impegna ad avvicinare le persone che vogliono cambiare realmente e diventare individui sani, nel corpo e nello spirito, con eventi apparentemente ludici, con cui relazionarsi e sperimentare azioni differenti per avere risultati differenti. 🤪

La giornata di oggi ci ha visto impegnate in un parco cittadino, superando gli ostacoli del clima e degli impegni familiari e lavorativi.

La giornata era limpida e il il freddo pungente, ma tutte insieme, col nostro calore e con l’aiuto di un personal trainer, che non ci ha fatto esagerare ma ci ha dato i consigli adatti alla nostra condizione di obese o di ex obese ancora in percorso, ci siamo scaldate, e senza accorgersene abbiamo percorso 9,33 km: solo così si bruciano veramente le calorie! 🏃‍♀️🏃‍♂️

Inoltre, noi che siamo un’associazione di volontariato, abbiamo avuto il piacere oggi di unirci ad un altro progetto di volontariato, Chiara Group: centinaia di uomini e donne vestiti da Babbo Natale, che con il rombo dei motori delle loro moto, hanno scaldato il cuore dei bambini ricoverati al Regina Margherita. 🥰

È stata un’emozione dentro l’emozione a concludere una giornata fantastica come quella di oggi, dove nulla è per caso, ma tutto rientra in un percorso di cambiamento. 🙌😉

 

 

 

Grazie per continuare a seguirci

 

 

Maria Carla Ossola

Presidente Small mai più obesi

Come apparecchiare la tavola di Natale 🎄🎄

Apparecchiare la tavola di Natale può sembrare complicato ma oramai i negozi attrezzati ci aiutano in questa impresa.

Al centro di ogni posto tavola vanno posizionati sottopiatto, piatto piano e piattino da antipasto (il piatto fondo per un’eventuale zuppa può essere portato in tavola dopo l’antipasto, così come un secondo piatto piano per il primo)
a destra del piatto si posizionano il cucchiaio da minestra e il coltello, con la lama rigorosamente rivolta verso il piatto
a sinistra va posta la forchetta
sopra il piatto si posizionano forchetta e cucchiaio da dessert
in alto a sinistra va collocato il piatto del pane
parliamo infine dei bicchieri: quello per l’acqua può essere un tumbler o un calice più capiente, mentre per il vino la corretta tipologia di bicchiere prevede un calice più sottile per il vino bianco e uno più panciuto per i vini rossi, che devono respirare. Se utilizzate un solo bicchiere da vino, scegliete un modello di bicchiere né troppo sottile né troppo grande, in modo che si adatti a entrambe le tipologie di vino. Un bel bicchiere a tulipano potrebbe essere quello che fa per te. Non può mancare il flute per lo spumante da accompagnare al dolce, che tuttavia può essere portato in tavola in un secondo momento.

Immagini prese dal web

bozza locandina liguria.7

I tour virtuali Small – Liguria

Iniziano i nostri tour virtuali per l’Italia, in cui parliamo con gli specialisti che trattano la nostra malattia nelle diverse Regioni. 🟩⬜🟥

Per la Liguria, abbiamo scelto l’equipe del reparto della cura dell’obesità dell’ospedale Galliera, sotto la direzione del dottor Marco De Paoli. Assistito dal dottor Andrea Weiss, hanno insieme spiegato nei dettagli i rischi dell’obesità e come l‘ordinamento italiano sia strutturato per assistere i cittadini che ne sono affetti. 👩‍⚕️👨‍⚕️

Oltre ad elencarci le malattie correlate, esposte in maniera facile ma efficace, ci hanno anche fatto conoscere il funzionamento dei vari tipi di interventi di chirurgia bariatrica. 🩺

Ha concluso l’incontro il dottor Sergio Benso, biologo nutrizionista con studio a Genova, che ci ha parlato di piramide alimentare e dieta mediterranea, con relativo approfondimento dei concetti di indice glicemico e dei danni da farine raffinate, concetti che sono alla base della nostra educazione alimentare. 😋

 

Vi lasciamo anche il link del video della diretta caricato sul nostro canale Youtube, nel caso vi foste persi qualcosa:

⬇               ⬇               ⬇

https://youtu.be/dJbxW8DdJxg

 

Continuate a seguire i nostri tour per la battaglia l’obesità

 

Maria Carla Ossola

Presidente Small mai più obesi